Mostra di Officina del sorriso presso il castello di Drena

classe di teatro

castello di Drena (TN)
1-30 maggio 2014
orario di apertura del castello

Segnaliamo una esposizione fotografica sui progetti di volontariato artistico svolti in India dall’Officina del sorriso – Compagnia Teatro per Caso in collaborazione con Associazione Mercurio – a partire dal 2006.

Stiamo organizzando il prossimo progetto, a breve le novità…

Iniziativa in Bilioteca Riva del Garda

Normal
0
0
1
145
831
--------------------
6
1
1020
10.2006

0
0
0

Venerdi 2 ottobre alle ore 18.30, presso la Biblioteca Civica di Riva del Garda, prenderà il via la mostra di Paola Marcello “Vita oltre il muro”, dedicata alla Palestina.

Nella saletta multimediale verrà proiettato il cortometraggio di Sara Maino “India tour”, che narra l’esperienza dei ragazzi di strada indiani in scena con lo spettacolo “Fantasia” attorno all’India, iniziativa che Officina del sorriso ha curato nel 2007.

In questa occasione Anita Edgar, la fondatrice dei Centri di aiuto El Shaddai Street Child Rescue di Goa, partner di Officina del sorriso nei progetti teatrali di solidarietà, racconterà la “sua” India illustrando le iniziative dell’organizzazione non governativa che opera in diversi contesti del continente, portando soccorso ai bambini e ai ragazzi di strada.

Officina del sorriso a Protagonista per una sera

Venerdi 24 aprile si è svolta la premiazione del VII concorso "Protagonista per una sera" organizzato dalla Sat di Arco (leggi INFO).

Vi hanno partecipato anche Paola Marcello e Sara Maino, la prima con un reportage sulla Palestina e Israele e il laboratorio fotografico svolto con i ragazzi di Hebron, la seconda col cortometraggio sull’attività di Officina del sorriso in India ed in particolare sul tour realizzato nel 2007.

A loro è andato il Premio Speciale della giuria.

La giuria ha deciso di premiare anche l’aspetto diverso del viaggio e dell’avventura, apprezzando il valore didattico, umano e di testimonianza  dei filmati. In questo caso i veri protagonisti sono i soggetti dei due filmati.


NUOVO CALENDARIO 2008

Eccoci di ritorno con le ultime fresche notizie! Ci siamo concentrati sul progetto grafico per i nuovi calendari Officina del sorriso 2008. E’ davvero un po’ tardi, ma le tipografie in questo periodo sono all’opera anche di domenica e noi, davvero, non si poteva fare più rapide di così. Tra pochi giorni saranno pronti!

 

   

Il calendario è ricco di foto che raccontano tutte le fasi dell’esperienza appena trascorsa.
E’ davvero elegante ed originale, a breve lo presenteremo anche sul blog.
Namasté!
sa.

 

ARRIVEDERCI…

 

Mezzanotte, aeroporto di Bombay. Sulla via di casa. L’esperienza Officina del sorriso 2007 in India e’ conclusa. In Italia ci aspetta altro lavoro: i calendari (che vi invitiamo calorosamente a prenotare sin d’ora..), le serate di sensibilizzazione, un film da fare.

Domenica scorsa abbiamo salutato i ragazzi con una partita di calcio sulla spiaggia di Vagator. E’ stato accordato loro uno speciale permesso per trascorrere insieme a noi alcune ore prima di far ritorno alle case. Ci siamo divertiti moltissimo!!


   

Naturalmente, da buoni italiani,  li abbiamo stracciati, ma ci hanno dato del filo da torcere…

Le giornate di lunedi e martedi sono state dedicate alla sistemazione di tutto il materiale prodotto in questo periodo, che e’ stato lasciato presso una delle Case di El Shaddai a disposizione dei ragazzi per eventuali repliche dello spettacolo.

Ma sono stati anche giorni intensi di riprese: abbiamo svolto parecchie interviste ai ragazzi, a Matthew e Anita, i fondatori di El Shaddai, chiedendo loro il senso di quest’esperienza. Cio’ che e’ stato registrato finira’ in un film, la cui realizzazione occupera’ gran parte dei prossimi mesi.

Sono arrivate risposte ricche di senso, di restituzione, racconti del vissuto di adulti e ragazzi: moltissimo materiale che arricchisce le nostre sensazioni e contribuisce all’elaborazione di quanto siamo riusciti a realizzare fino ad ora.

Vi sono molti punti di vista sull’Officina del sorriso, ognuno ha un vissuto particolare del tempo trascorso in India, fatto di legami, di significati, di motivazioni, idee e sogni diversi. Cio’ che ci gratifica e’ la forza del collettivo che e’ riuscita a produrre alcune sostanziali trasformazioni: una gioia tangibile raggiunta con molti sforzi da parte di tutti, ma palpabile, unica, fatta di sentimenti, di colori, di immagini, di poesia.

Il tempo delle riflessioni e’ naturalmente gia’ tra di noi, ma ci congediamo cosi’, con alcune fotografie, il breve video dello spettacolo al chiaro di luna e queste poche parole.. mi limito soltanto a ricordare qui i fautori di Officina del sorriso 2007 e a ringraziare nuovamente tutti quelli che ci hanno sostenuto, seguito ed incoraggiato anche nei momenti piu’ difficili.

Namaste a tutti voi, arrivederci in Italia.

sa.

   

 

 

 

 sa.

ULTIMA PEFORMANCE

Eh si. Per complicazioni organizzative, legate soprattutto all’impossibilita’ di trovare uno spazio adeguato a Panjim, dove si sta svolgendo il 38 Film Festival of India, vi annunciamo che stasera alle 18 ora locale (le 13.30 in Italia) lo spettacolo FANTASIA verra’ rappresentato in unica data a Goa sul terreno della CALANGUTE SPORT ASSOCIATION a CALANGUTE.

"FANTASIA"

A STREET PERFORMANCE BY CHILDREN

ORE 18

CALANGUTE SPORT ASSOCIATION

CALANGUTE, GOA

Finisce qui il tour indiano. La replica serale di stasera si annuncia piuttosto interessante, dal momento che le spiagge di Calangute sono tra le piu’ frequentate dai turisti occidentali che arrivano a frotte in questi ultimi giorni. Si prevede quindi un’affluenza di pubblico molto alta. Aspettiamo anche tutti i compagni e le compagne dei nostri 25 attori, i piccoli bambini dei Centri El Shaddai, persone locali, la stampa, la tv locale.

Manca solo un’ora e trenta all’inizio dello spettacolo. Le quinte sono montate, i fari (speriamo bene) sono piazzati, i ragazzi gia’ pronti nel backstage. L’avventura culmina in una notte indiana di luna piena.

A voi non posso che trasmettere l’emozione dell’ultimo spettacolo e ritornare puntuale con immagini e video (ve l’abbiamo promesso…) di questa entusiasmante messa in scena. Namaste.

sa.

RITORNO A SCUOLA

Al rientro dal tour, i ragazzi sono tornati a scuola. Ieri siamo andati ad intervistarli insieme a Stefano, Sonia e Diego.

 

In queste immagini i ragazzi si intervistano a vicenda, rivolgendosi domande ed esigendo risposte sincere e puntuali sull’intero progetto. Hanno espresso opinioni molto favorevoli, rivelando maturita’ e comprensione in questo gioco improvvisato. Sono stati bei momenti, tra i piu’ commoventi e schietti dell’intera attivita’. Niroshan ci ha detto "we love you all"… e Maruti ha aggiunto che "quando lascero’ la vostra mano, sentiro’ le lacrime sgorgarmi dagli occhi". Poi lo scoiattolino e’ scappato via ed e’ tornato ai suoi giochi.


VIDEO: LE INTERVISTE


sa.


COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA, 23 novembre 2007

 

(Mumbai) – Debutto esaltante per l’Officina del sorriso a Bombay. Lo spettacolo “Fantasia”, interpretato da venticinque ragazze e ragazzi di strada ospiti dei centri di aiuto El Shaddai Street Child Rescue di Goa ed istruiti dallo staff della Compagnia Teatro per Caso di Nago, è stato rappresentato nello spazio annesso al college SNDT a Sion lo scorso 14 novembre. Il debutto è coinciso con la Giornata del Bambino, il Child’s Day, festeggiato con importanti manifestazioni ed eventi in tutta l’India. L’occasione ha richiamato piu’ di un migliaio di persone tra piccoli e adulti, che hanno assistito allo spettacolo allestito dalla Compagnia Teatro per Caso nelle prime due settimane di novembre. Il tour indiano organizzato dalla compagnia trentina mette in scena lo spettacolo “Fantasia” negli Stati del Maharashtra e di Goa per un totale di cinque date, l’ultima delle quali e’ prevista per sabato 24 novembre. La replica dello spettacolo è avvenuta il 15 novembre sul terreno della Mumbai School Sport Association di fronte a circa trecento bambini di strada, quivi condotti appositamente da alcune organizzazioni umanitarie, che al termine della performance sono sciamati sui bus di linea per far ritorno al proprio quartiere. Il contrasto e’ apparso subito evidente e ha portato all’attenzione il problema dei ragazzi di strada: nella sola Bombay si conta almeno un milione di bambini al di sotto della soglia di poverta’. L’evento ha avuto spazio sui quotidiani nazionali ed e’ stato seguito da Zee News, una tv locale che ha pure intervistato alcuni ragazzi dell’Officina del sorriso. Allo spettacolo ha assistito anche il Console italiano in India, che ha espresso un sincero apprezzamento per l’iniziativa promossa dalla compagnia trentina. Per il suo carattere poetico, circense e comunicativo e grazie ai suoi quadri colorati e commoventi lo spettacolo veicola intense emozioni. Ma sono soprattutto la bravura, l’impegno ed il talento dei giovani attori a catalizzare l’attenzione di tutto il pubblico trascinandolo in una parentesi fantastica particolarmente apprezzata. La storia rappresentata e’ quella di Maruti, un bambino di strada che entra in un mondo immaginario. In questo luogo protetto si animano i sogni dell’infanzia piu’ semplici, evocati da ricchi costumi e da straordinari personaggi sui trampoli e a terra, che il protagonista chiama in scena percuotendo dei legnetti oppure soffiando le bolle di sapone. Affiancato da un buffo clown, il bambino acquista poteri straordinari con trucchi da mago, si esibisce nella danza e si risveglia infine con la ricchezza dei sogni diventati realta’ che l’accompagnano per il resto del giorno. Il potere della fantasia lo aiuta a ritrovare la gioia e la serenita’, anche se apparentemente fugaci.

Il tour teatrale ha previsto altre due repliche nella città di Pune, nello Stato del Maharashtra. Il 17 novembre lo spettacolo e’ stato rappresentato nello spazio di fronte ad un tempio hindu, con tanto di cerimonia in corso, cui hanno assistito circa trecento persone locali. In ogni situazione il pubblico ha reazioni estremamente positive. Ed e’ proprio a Pune, nel Deccan, in particolare, dove abbiamo l’impressione di costituire una vera e propria compagnia itinerante d’altri tempi, come i circhi una volta famosi su tutto il territorio indiano. Dal mattino al pomeriggio siamo seguiti da sciami di bambini ed adulti nella costruzione delle quinte, nella preparazione del terreno di scena e nell’allestimento del backstage, dove vengono sistemati tutti i costumi e gli oggetti di scena. Ogni membro dello staff della Compagnia Teatro per Caso conosce a memoria lo spettacolo e lavora instancabilmente per creare, di volta in volta, un backstage impeccabile per la riuscita dell’evento. Organizzatissimi, con tanto di radiotrasmittenti per le comunicazioni dalla regia, si prepara lo spettacolo nei minimi particolari, incontrando molti problemi con i service audio e la fornitura elettrica. La tecnologia a disposizione varia da zona a zona, ma spesso si lavora al limite del tollerabile ed e’ con grande sforzo di ingegno da parte dei nostri tecnici che si risolvono brillantemente le situazioni piu’ complicate. In tutto cio’, i ragazzi si preparano allo spettacolo indossando i costumi designati, i trampoli di varie lunghezze, passando dalla sala trucco all’oggettistica allestita per ciascun quadro.

Curioso e stupito il pubblico, osserva il backstage come se si trattasse gia’ dell’evento da portare in scena. La performance vera e propria ottiene poi un successo straordinario: applausi generosi e pubblico in piedi. I piccoli attori dell’Officina del sorriso riscuotono complimenti ad ogni nuova uscita. E’ curioso notare come, al termine dello spettacolo, i nostri ragazzi, avvicinati da un gruppo di bambini di strada, si rivolgano a noi dispiaciuti per l’impossibilita’ di stabilire con loro una comunicazione verbale (in India si parlano centinaia di lingue locali diverse); eppure, un attimo prima il linguaggio del teatro ha superato le barriere legate alle differenze e alle incomprensioni etnicolinguistiche, donando al pubblico un pomeriggio completamente diverso ed emozionante.

Il 19 novembre “Fantasia” e’ stato replicato in un quartiere di Pune, la Sindh Society, per gli studenti delle scuole primarie e secondarie. In tutto circa millequattrocento spettatori, accolti appositamente per l’iniziativa all’interno di un campo da cricket. Al termine dello spettacolo, una delegazione di studenti ha offerto e distribuito agli attori dell’Officina del sorriso doni e cibo. Il direttore dell’istituto indiano si e’ ufficialmente congratulato con lo staff di Teatro per Caso per l’iniziativa promossa in India e per il risultato ottenuto grazie al teatro. I sorrisi hanno disegnato i volti di grandi e piccoli.

Mentre ci prepariamo ad allestire lo spettacolo a Calangute, nello Stato di Goa, previsto nella serata di sabato 24 novembre, un entusiasmo sempre maggiore circola tra i ragazzi, sia per il successo ottenuto che per le forti emozioni vissute durante il tour. Alla novita’ degli spettacoli, alle esibizioni di fronte a centinaia di spettatori s’accompagnano il comprensibile stupore e l’eccitazione per i posti visitati e per le sorprese ideate dallo staff di Teatro per Caso e dei collaboratori indiani. Il viaggio ha costituito per i ragazzi un’opportunita’ di divertimento, di relazione e di crescita. I ragazzi hanno avuto modo di visitare Bombay e Pune, apprezzando alcuni dei siti piu’ noti come il famoso Gate of India.

Il gruppo di giovani attori e’ molto affiatato ed incredibilmente maturo, composto da 18 ragazzi e 7 ragazze, in eta’ dai 10 ai 17 anni, provenienti per lo piu’ dal Karnataka. E’ uno Stato confinante a Goa, affascinante per il paesaggio, improntato all’industria e alla tecnologia nelle zone piu’ sviluppate, ma caratterizzato anche da ampie zone rurali e dall’esistenza di molti gruppi nomadi. Sono ragazzi di strada con storie incredibili e spesso terribili alle spalle, accolti nei centri di aiuto e recupero della ong El Shaddai Charitable Trust e residenti da alcuni anni nelle case-famiglia istituite dalla Fondazione a Goa.

L’esperienza ha arricchito ognuno di noi e rimarra’ senz’altro piu’ che un ricordo per questi ragazzi. Prendiamo a prestito alcune delle loro affermazioni, come quella di Prema, la donna-gigante: “Quando entro in scena ho paura, perche’ guardano tutti me e indosso dei trampoli da un metro e trenta, ma poi mi faccio coraggio e mi dico ‘cogli l’occasione’ perche’ amo danzare e ballare sui trampoli e’ davvero difficile”. Ninga afferma: “Ci rendiamo conto dell’opportunita’ che ci state offrendo, e di questo vi ringraziamo davvero di cuore”, e Pandu conclude: “Nessuno in India ha mai visto ballare degli attori sui trampoli, e questo e’ davvero fantastico, il pubblico rimane incantato. Io all’inizio ero timido ed avevo paura, ma ora non vedo l’ora di esibirmi di fronte alla gente e questo mi da’ molta soddisfazione.”

Per continuare a seguire le fasi di Officina del sorriso vi invitiamo a leggere il blog www.officinadelsorriso.splinder.com che registra quotidianamente le fasi del progetto con commenti, interviste, notizie dai quotidiani nazionali ed internazionali, immagini e video, dall’allestimento dello spettacolo alla sua messa in scena negli Stati indiani.

 

Sara Maino

Associazione Teatro per Caso

 

 

PUNE SECONDA PERFORMANCE

La seconda performance a Pune, prevista per le ore 9 di lunedi 19 novembre, e’ stata preceduta da alcune piacevoli sorprese…

I ragazzi hanno avuto la domenica libera e hanno trascorso la giornata visitando un forte nei pressi di Pune. Alla sera, li abbiamo cacciati a letto e, con un pretesto, richiamati poco dopo nella stanza prinicipale dell’abitazione affittata da Tanu.

A luci spente i ragazzi sono entrati nella stanza e….. ta-dah! Questa non se l’aspettavano: musica a palo e lucine colorate alle pareti, dolci patatine e bevande per festeggiare il tour!! Kama, Tanu e Lalli, gli amici indiani hanno organizzato un party a cui tutti abbiamo preso parte, dando sfogo a tutte le tensioni accumulate nel tour ed esaurendo le ultime briciole di energia della giornata!

                    


Qui si vedono anche le danze con candele organizzate dai nostri amici la sera precedente, sempre nella sala pranzo dei ragazzi, proprio accanto alle nostre camere.

                  


Ma veniamo allo spettacolo di lunedi, la seconda performance prevista a Pune.
In piedi dall’alba, con lo stage gia’ allestito, fortunatamente, nella notte. L’audio system, il service audio, e’ arrivato solo alle tre del mattino. Tanu ha probabilmente dormito solo un paio d’ore…
Ma d’altro canto, l’evento del mattino era davvero importante. Pensate che alle nove in punto si sono presentati 1200 alunni delle scuole primarie e secondarie del quartiere, con tanto di delegazione ufficiale capeggiata dal direttore scolastico!

         

Non potevamo credere ai nostri occhi. Noi comunque eravamo tutti tranquilli, anche se il piu’ stressato in quel momento era Stefano. Avendo trovato un quadro elettrico preistorico e per di piu’ mezzo incendiato, ha dovuto inventarsi non so come un attacco volante grazie alle sue risorse di perito elettricista. La sua collaborazione si e’ rivelata indispensabile piu’ di una volta in questo tour. Anche il buon Diego ha dovuto sobbarcarsi l’organizzazione dello stage e le comunicazioni, spesso a gesti, con gli operai addetti alla costruzione del backstage (fatti di pali di bambu fasciati di stoffe).

                                

 
Passiamo direttamente a narrare lo spettacolo: una passeggiata, praticamente. Nonostante l’ora, i ragazzi erano freschi e preparati. Adeguatamente riscaldati con corsetta e stiramenti, hanno indossato i loro costumi e i trampoli e travolto il pubblico presente. Anche Maruti era particolarmente in forma.


                                       


      


              


Lo spettacolo e’ stato particolarmente emozionante, vuoi per il luogo, un campo da cricket riservato per l’occasione, vuoi per la luce del mattino, troppo forte per le foto ma piacevole e fresca, vuoi per l’atmosfera con le centinaia di bambini….
Vi basti soffermarvi all’immagine che ho visto nascosta dietro le quinte e che cerchero’ di trasmettervi: sull’entrata dei ‘marziani’, i personaggi vestiti di bianco, la donna-gigante e’ in mezzo alla scena, con gli angeli trampolisti sullo sfondo; nell’istante in cui i marziani aprono il paracadute pieno di palloncini e la musica incalza raggiungendo l’apice, butto gli occhi in alto e cosa ti vedo?
Un’aquila si e’ fermata ad osservare la scena, volteggia maestosa, immobile, verticale sulla donna-gigante, ci saluta con il suo sguardo severo e all’apertura dei palloni si ritrova in una nuvola bianca e leggera, regina del cielo, che omaggia un teatro di fantasia!!


 


 

                


E’ stata veramente una scena molto forte..
Il pubblico ha apprezzato lo spettacolo, sono piovuti complimenti da tutte le parti e richieste ufficiali di replicare, di partecipare a delle sfilate, ecc.. Una delegazione di studenti ha offerto ai nostri ragazzi cibo e doni, mentre il direttore scolastico ha donato allo staff di Teatro per Caso e di El Shaddai una statuina di Ganesh danzante… ringraziandoci ancora innumerevoli volte di fronte a tutti gli studenti entusiasti.

   

         

Cosi’ si e’ concluso il tour a Pune, con un successo straordinario. Un fotografo di Times of India e’ corso subito dopo lo spettacolo per una foto di gruppo che credo sia uscita mercoledi o giovedi scorso.. La recuperemo tramite Tanu.

Pensate sia tutto?

Certo che no. Sulla via di casa, altra sorpresa ai ragazzi: li abbiamo mollati in un parcheggio di fronte ad una multisala, dicendo loro che avremmo visto il famoso "Om Shanti om", l’ultimo film di Bollywood con le superstar del momento. Non vi dico che facce!!
Giu’ dal pullman a capofitto, in fila ordinati per ritirare il biglietto, i nostri ragazzi ci hanno fatto le feste per tutta la sera…

sa.